Mercoledì 10 Aprile 2024

Kristin Hersh

Giardini Luzzati, Genova

Nel corso degli ultimi tre decenni, la prolifica carriera di Kristin Hersh l’ha vista acclamata regina delle pubblicazioni alternative. Tornando con un nuovo album solista intitolato ‘Clear Pond Road’, rilasciato a settembre 2023, l’album è un viaggio cinematografico; una serie di vignette personali da parte di un’autrice incredibilmente indipendente, arricchito da strati di corde atonali e sognanti, oltre che da mellotron dal tono nervoso.

Si tratta di un momento di svolta in una carriera ricca di primati creativi e pensiero ispirazionale, un’elegante opera di reportage personale. È una dichiarazione sensuale e affermativa della vita, un memoir molto personale; è la fioritura di un vero icona dell’indipendenza.

Nel 2018, Hersh ha annunciato una nuova partnership con Fire Records che ha reso possibile la pubblicazione del suo acclamato decimo album in studio, ‘Possible Dust Clouds’. Da allora sono stati pubblicati nuovi lavori dai Throwing Muses (‘Sun Racket’, 2020) e dai 50Foot Wave (‘Black Pearl’, 2022), insieme al nuovo libro ‘Seeing Sideways’ (2022).

“Una delle figure più affascinanti del rock indipendente” (The Guardian), Hersh ha pubblicato oltre 20 album solisti, con Throwing Muses e 50FOOTWAVE fino ad oggi. È autrice di un acclamato memoir, basato sul suo diario dell’adolescenza, su un anno particolarmente avventuroso, intitolato “Rat Girl” (“Paradoxical Undressing” nel Regno Unito), che è stato classificato al 8º posto nella lista di Rolling Stone dei “25 migliori memoir rock di tutti i tempi”. Successivamente, ha pubblicato i suoi album ‘Crooked’ (2010), ‘Wyatt at the Coyote Palace’ (2016) e ‘Purgatory/Paradise’ dei Throwing Muses (2013) come rivoluzionari libri di musica, arte, saggi e testi. NPR Books ha detto del suo ultimo lavoro, ‘Don’t Suck, Don’t Die’, sulla sua amicizia con il compianto Vic Chesnutt: “Non solo uno dei migliori libri dell’anno, è uno dei memoir rock più belli mai scritti.”

In precedenza, la contrapposizione tra luce e buio è stata essenziale per il dramma dei Throwing Muses e dei 50 Foot Wave, ma questo nuovo album è qualcosa di diverso: più introspettivo. Prodotto e interpretato da Hersh, ‘Clear Pond Road’ è più silenzioso ma più esplicito, la sua logica musicale innovativa è sostenuta dall’atmosfera delle registrazioni sul campo.

“La passione sembra meno arrabbiata qui, più grata, credo”, dice Kristin, “più dolce, più triste e in qualche modo non meno viva. Onestamente? È una storia d’amore e il suo battito cardiaco erratico riflette questo. Pur essendo ricco di sfumature e audace come possono essere canzoni della vita reale come queste, il vocabolario sonoro è delicato, quindi ho dovuto rispettarlo e mantenerlo ancorato con il rumore di motori e pioggia a New England, quindi anatre che fischiettano e campanelli a vento a New Orleans. Che suona malinconico, come una fotografia sfocata.”

Attualmente in studio per lavorare alla prossima pubblicazione dei Throwing Muses, Kristin Hersh si sta anche preparando per un tour solista di tre mesi per celebrare nel Regno Unito e in Irlanda, prima di recarsi in Australia e Nuova Zelanda.